Scuola MiniDaily Pozzuoli

  • Tempio di Serapide
  • Anfiteatro Flavio
  • Solfatara
  • Solfatara

Itinerario per la scuola - Itinerary for students

       Caratteristiche

Visite guidate:
  • all'Anfiteatro Flavio
  • al Tempio di Serapide
L’Anfiteatro Flavio, detto anche Maggiore, è il terzo per grandezza dopo quello di Roma e di Capua. Si articola su tre anelli chiusi in alto da un attico e in basso da un porticato esterno a pianta ellittica edificato su lastroni di travertino. I pilastri in piperno vennero successivamente consolidati in laterizio. Dal portico 4 ingressi principali e 12 secondari, dall’ambulacro 20 rampe di scale, consentivano l’afflusso di circa 40.000 spettatori.
Iniziato sotto Nerone, fu completato da Vespasiano (69-96 d.C.) misura m.149 x 116 (arene m.75 x 42). Sotto il podio dell’arena fluiscono i corridoi sotterranei con gli ambienti a servizio degli spettacoli. Ben conservati i sotterranei dove è stato possibile studiare il complesso sistema di sollevamento delle gabbie con le belve.
Nel 305, sotto la persecuzione di Diocleziano, furono esposti nell'arena sette martiri cristiani: i beneventani Gennaro, Festo e Desiderio, il misenate Sossio e i puteolani Procolo, Eutiche e Acuzie, poi decapitati nei pressi della Solfatara.
Nel medio evo fu spogliato dei materiali costruttivi e di molte statue che frantumate producevano calce.
Segue la visita al "Macellum" - Comunemente noto con il nome di "Tempio di Serapide", per il rinvenimento della statua di "Giove Serapide" divinità egizia, rappresenta il monumento più significativo della fascia urbana costiera. La grande aula quadrangolare con al centro un cortile porticato, colonne in granito e quattro colonne in cipollino, in realtà costituisce il mercato alimentare più famoso dell'antichità. Qui si incrociavano razze, merci, culti, riti di ogni parte a confermare l'eccezionale ruolo che Puteoli ebbe nell'antichità. Ma il Serapeo deve la sua notorietà anche al fenomeno del bradisismo flegreo: le tre colonne corinzie di cipollino, perforate dai litodomi (molluschi perforatori della pietra) ci danno l'esatta misura della sommersione dell'edificio nel mare.
Eventuale tempo a disposizione per giro nel borgo marinaro di Pozzuoli


⚠ - Al fine di ottimizzare l’organizzazione, ci riserviamo di gestire la sequenza delle visite a nostra discrezione.

 SCARICA LA LOCANDINA IN PDF 

PREZZO € 4,00 (1 insegnante gratuito ogni 10 alunni)
Tutti necessitano sempre di prenotazione GRATUITA all'indirizzo baiasommersa@yahoo.it o telefonicamente al 349.497.4183

-----------------------
School MiniDaily Pozzuoli

Bandiera usaen

Itinerary:
1. Flavio Amphitheatre
2. Macellum also called Temple of Serapis

9.30 a.m. Departure from the Flavian Amphitheatre entrance
The Flavio Amphitheatre, also called Maggiore, is the third largest after the one in Rome and in Capua. It is divided into three rings closed at the top by an attic and at the bottom by an external arcade with an elliptical plan built on travertine slabs. The piperno pillars were consolidated later in brick. From the arcade 4 main and 12 secondary entrances, from the corridor 20 flights of stairs, allowed influx of about 40.000 spectators.
Begun under Nero and completed by Vespasiano (69-96 A.C.), it measures m. 149 x 116 (arenas m.75 x 42). Under the podium of the arena there are the underground corridors with the space to the service of the shows. The undergrounds are well preserved so it was possible to study the complex system of lifting cages with beasts.
In 305, under the persecution of Diocletian, seven Christian martyrs were exposed into the arena: Gennaro, Festo and Desiderio from Benevento, Sossio from Miseno and Procolo, Eutiche and Acuzie from Pozzuoli, they were beheaded near to the Solfatara.
In the Middle Ages it was stripped of the construction materials and many statues that shattered produced lime.
After that, we proceed with the visit to the “Macellum” – Commonly known with the name of “Temple of Serapis”, owing to the discovery of the statue of “Jupiter Serapis” an Egyptian deity, it represents the most significant monument of the urban coastal area. The large quadrangular room with the porticoed courtyard in the centre, granite columns and four cipollino columns, is actually the most food market of antiquity. Races, goods, cults, rituals from anywhere were crossed here confirming the extraordinary role that Puteoli had in ancient time.
But the Serapeum owes its fame also to the phenomenon of Phlegrean bradyseism: the three Corinthian pillars of cipollino, perforated by the lithodomas (mollusks perforating the stone), give us the right measure of the submersion of the building in the sea.
 
12:30 p.m. End of our services – free time to go for a walk around Pozzuoli
⚠- To optimize the organization, we reserve the right to manage the sequence of visits at our discretion.

 DOWNLOAD BROCHURE

PRICE € 4,00 (1 teacher free every 10 students)